Se trovi questa moneta con la croce diventi ricco: FOTO

Una delle particolarità delle monete dell’euro è che ogni paese che le ha adottate, ha una diversa raffigurazione sul dritto della moneta, mentre il suo rovescio è uguale a tutti gli altri stati dell’Eurozona e presenta il classico valore nominale. L’isola di Cipro è entrata a far parte dell’Unione Europea quasi vent’anni fa, nel 2004, e dal 1° gennaio 2008 ha sostituito la valuta precedente, ovvero la lira cipriota con l’euro, e la produzione delle nuove monete era stata affidata alla zecca finlandese per primi due anni per poi passare a quella di Atene.

L’isola di Cipro ha scelto di adottare “soltanto” tre ritratti per le sue monete: sui centesimi da 1, 2 e 5 troviamo due mufloni, che sono parte della fauna locale, su quelli da 10, 20 e 50 c’è una Nave di Kyrenia, una tipica imbarcazione dell’arcipelago ellenico dell’era classica mentre sulle monete da 1 e 2 euro è presente l’Idolo di Pomos. Si tratta di una scultura che risale all’età del Rame e che ebbe origine del villaggio di Promos ed oggi è custodita presso il museo di Nicosia, la capitale dell’Isola.

L’Idolo è una delle rappresentazioni artistiche di quel periodo più importanti in assoluto e rappresentava un forte e chiaro simbolo di fertilità. Sul dritto della moneta è presente la raffigurazione della scultura, con il nome dell’isola scritto in greco e in turco e, ovviamente, l’anno di coniatura.

Stiamo parlando di una monete relativamente rara da trovare dato che la gran parte è “confinata” sull’isola e sui paesi limitrofi. Le più interessanti risultano però essere quelle realizzate nel 2008 dalla già citata zecca finlandese coniate in circa 28 milioni di esemplari e, nonostante questo numero decisamente elevato, sono in molti a mettere in discussione la veridicità di tali numeri visto che i collezionisti non sembrano riscontrarle di frequente.

Un esemplare del 2008 in condizioni Fior di Conio vale all’incirca 6 euro, ma trattandosi di una moneta molto particolare, il valore andrà incontro ad un incremento con il passare degli anni ma interessanti sono anche quelle coniate nel 2013, in 100mila esemplari, che valgono fino a 5 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *